Il valore della lettura oggi

Carissimi amici del cerchio intorno al fuoco, bentrovati!!!!

Scusate se arrivo oggi anziché ieri!!!!!

Rinnovo il mio grazie a tutti voi per le riflessioni che proponete!!! E’ meraviglioso per me sapere che ci siete, che ci sono persone che si interrogano, che provano ad esprimersi e ad esplorare il nostro “oggi”, grazie!!

Oggi propongo una riflessione sul valore della lettura..

E’ davvero un valore? Che importanza può avere leggere? Aggiunge qualcosa alle nostre vite?? Sono solo alcune delle domande che propongo per avviare il nostro dialogo…

Ho recentemente scritto per il giornale presso il quale lavoro un articolo con la storia di una ragazzina di 13 anni che da tre frequenta un gruppo di lettura presso una libreria e che è una lettrice appassionata.

Mi colpisce il proliferare di tali gruppi .. la lettura non è più un affare personale e il lettore incallito non è più un topo di biblioteca….la lettura assume una dimensione sociale e di gruppo…Wow!!!! Un po’ come il nostro cerchio intorno al fuoco!!!!

Personalmente adoro leggere, ho sempre letto molto fin da bambina… i libri che ho letto sono diventati “mie espansioni”, in qualche modo sono stati introiettati e rielaborati un po’ come avviene per il cibo che entra ed esce dopo che lo abbiamo metabolizzato e trattenuto ciò che ci serve, sì, mi hanno nutrito e mi nutrono tutt’ora… mi hanno fatto crescere e hanno allargato la mia visuale….

E per voi, cari amici intorno al fuoco, per voi cosa rappresenta la lettura???

Sarà felice di leggere le vostre risposte!!!!!

Vi aspetto!!!!!

Giovanna Samà

36 commenti su “Il valore della lettura oggi

  1. aimè!! devo confessare che non leggo molto e questo x un semplice fatto di pigrizia xché quando riesco a superare questo impigrimento leggo con piacere al punto che finisco velocemente il libro che ho iniziato. deve comunque essere un
    libro che mi ispira ( niente di troppo istruttivo),una lettura narrativa non troppo complicata ma scorrevole facile da comprendere. Mi piacciono i libri che raccontano storie vere ,fatti successi del passato e del presente , meno quelle di fantasia. Mi piace essere informata su tutto ciò che accade..Certo che sarebbe più giusto leggere un po di tutto ma io faccio proprio fatica..una cosa che mi rattrista un po è vedere che mia nipote non legge volentieri, nonostante io mi offra spesso di leggerle qualche bel racconto lei è sempre presa con il suo i Pad o preferisce disegnare (è il suo passatempo preferito ed è anche brava). Credo che insistero’ mi dispiacerebbe se diventasse pigra ,nel leggere , come me , i libri sono importanti ti aiutano a vivere.

    1. Carissima Olga, buongiorno!!!! “I libri sono importanti- scrivi-ti aiutano a vivere”. Wow!!! Grazie!!!
      Poi tocchi un tema a me molto caro, quello della lettura e dei bambini……Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli altri amici intorno al fuoco!!!!
      Un abbraccio cara Olga!!!

  2. Ciao Giovanna da qualche anno sono in pensione e avendo più tempo leggo di più.
    Devo dire che quando mi immergo nella lettura il tempo non esiste perché voglio saperne sempre di più.
    Leggere fa bene alla mente ci fa anche imparare nuovi termini ed imparare tante storie.
    Brava ciao.

    1. carissima Alberta, ciaoooooo Che bello leggerti!!! Grazie per il tuo contributo, “Leggere fa bene alla mente-scrivi- ci fa anche imparare nuovi termini ed imparare tante storie.” Come potrei non condividere???? Un grande, grandissimo abbraccio!!!!

  3. Ciao Giovanna io sono come Olga non leggo molto ma quando leggo, leggo tutto d’un fiato e in generale sono libri su avvenimenti realmente accaduti (mafia, biografie e via dicendo) oppure fatti realmente accaduti drammaticamente (persone scomparse…)..
    Inoltre leggo molto sulla mia India…
    E qui si potrebbe aprire un capitolo..
    Purtroppo un cruccio.. Non sono riuscita a trasmettere la stessa passione a mia figlia..
    Chissà magari più avanti..
    Grazie mille sempre per tutto

    1. Ciao Martha!!! Bentrovataaaa! Che meraviglia leggerti!!!! Grazie per il tuo contributo ricco di spunti di riflessione!!!!
      Porti l’attenzione sul gusto della lettura per i ragazzi…sarebbe bello chiedere a loro… Adesso ci provo, sento tua figlia e altri ragazzi chiedendo loro di scrivere qualcosa sul tema..Grazie Martha!!!! Che bello riflettere insieme..nascono nuove ideee!!!!! Ti abbraccio fortissimo!!

  4. Ciao Giovanna penso che leggere un libro sia bellissimo!!! Molto meglio che vedere un film , infatti ogni volta che ho letto un libro e di questo hanno fatto il film io sono rimasta delusa .Da ragazza leggevo molto di più di adesso , perché x abitudine leggevo la sera quando andavo a letto ora non riesco a leggere più di 3-4 pagine che mi addormento. Leggere penso che stimoli anche la tua fantasia a parte che sia tanto rilassante e piacevole!

    1. Ciao Tina!!! Bentrovata!!!! Grazie per il tuo contributo!!!! Leggere stimola la fantasia, scrivi…..sono d’accordo e aggiungo che è proprio un allenamento per la fantasia, tutto è scritto e va immaginato, i personaggi, i luoghi…è bellissimo……. Grazie Tina, buona giornata!!!!!!!

    1. Cara, carissima Lidia, che dire??? non aggiungo niente e mi abbandono, a mia volta, “all’adorabile viaggio”…….
      Grazie!! Adoro Valèry!!!!!!

  5. Da ragazza leggevo la letteratura contemporanea italiana e Arpino era il mio preferito. Leggevo anche sotto il banco durante le lezioni noiose ..e scrivevo. Ho mantenuto entrambe le passioni, anche se ora leggo spesso di psicologia e ricerco libri e film intimisti e di crescita personale.Tutto si collega. La parola crea il pensiero e il pensiero si esprime attraverso la parola.Tutto torna. Mi sono laureata in Lettere, ho insegnato italiano per 40 anni e ho sempre cercato di far appassionare i miei alunni alla letto-scrittura, ma non sempre la molla scatta subito.Spesso le difficolta’ nell’acquisire lo strumento bloccano l’entusiasmo e disamorano.Ci vuole pazienza .Raccontare storie ai bambini animandole , può far nascere il desiderio. Quindi mamme e nonne..drammatizzate le letture ! Anche voi vi divertirete sicuramente.

    1. Cara Silvia, grazie! Che bello leggerti!!! Grazie perchè rifletti con noi e perchè condividi il tuo vissuto!!!! Ti abbraccio!!!!

  6. Leggere è vivere mille vite, percorrere mille sentieri e oltrepassare i confini dello spazio e del tempo.
    Io leggo di tutto: dai libri, agli articoli di giornale, alle rubriche delle testate on line, ma sopratutto leggo qualcosa che a molti risulta assai famigliare ma al contempo uno sconosciuto e cioè La Bibbia. Questo non perchè io sia un credente bigotto, anzi è proprio il mio ateismo a portarmi ad approfondire questa tematica per acclarare come ciò che è scritto viene in realtà trasposto e modellato ad arte da questa o quella religione. il 90% delle persone “credenti” non conoscono il contenuto di questo volume, eppure costoro recitano passi o salmi senza aver mai letto un rigo!, solo perchè gli è stato raccontato.
    Alla luce di quanto sopra, io dico che leggere è sopratutto voglia di conoscenza e di capire le dinamiche universali. Solo l’umile ignorante, consapevole dei limiti del suo sapere, avrà sempre quella fame di cultura che forse un giorno molto lontano lo renderà erudito.

    1. Antonio, ciaoooo!!! Bentrovato!! Wow!! Introduci un tematiche interessanti, la lettura della Bibbia da parte degli atei..la lettura come fonte di conoscenza, leggere per “vivere mille vite,percorrere mille sentieri e oltrepassare i confini dello spazio e del tempo”… E’ bello sentire come ciascuno di noi trovi le proprie risposte e come possiamo sussurrare i nostri pensieri intorno al fuoco con rispetto anche quando le opinioni sono dfferenti…wow!!! Grazie Antonio! Grazie a tutti!!!

  7. Non ho mai adorato la lettura,preferisco guardare, ammirare,ascoltare,scrutare e scrivere.Non amo i gruppi, figuriamoci quelli di lettura….. Qualche volta, esagerando un po’ dico che il libro più formativo che ho letto (e non tutto) è “Tommy River sulla via del nord”…..in realtà mi ricordo solo la copertina con il cowboy con il winchester in mano……

    1. Ciao Marco, bentrovato!!!!! Grazie per il tuo contributo, non ami la lettura nè i gruppi di lettura…mi viene in mente una frase di uno scrittore, forse Henry Miller, che diceva su per giù “o vivi o scrivi”… potrebbe valere anche per la lettura???? Tanti amici intorno al fuoco dicono che leggere è vivere.. che ricchezza di vedute e di prospettive!!!! grazie a tutti!!!
      Un abbraccio!

  8. La lettura è e deve rimanere un momento fondamentale del nostro rapporto con la cultura, nel senso più ampio di formazione personale in rapporto al mondo. Intendo qui per lettura quella che direi tradizionale: una persona appartata con un libro davanti in un momento soltanto a questo dedicato. Purtroppo la società in cui viviamo frammenta molto le nostre giornate e spesso ci costringe a dedicare alla lettura brevi ritagli di tempo spingendo il lettore a trascurare il libro per l’articolo di giornale o la pagina web. Quella dei gruppi di lettura è senz’altro una buona iniziativa perché responsabilizza chi legge nei confronti degli altri lettori e stimola l’interesse nel confronto interpersonale.

    1. Carissimo Giorgio, ciao!!!! Bello leggeerti !!!! Grazie per la tua condivisione e per le riflessioni che porti, rilancio in particolare la questione del tempo…”Purtroppo la società in cui viviamo frammenta molto le nostre giornate e spesso ci costringe a dedicare alla lettura brevi ritagli di tempo”….. Interessante!! Grazie!! Un abbraccio!!!

  9. Ciao Giovanna!
    Rieccomi dopo un po’ di assenza forzata… Troppi impegni!
    Ma come non scriverti del mio rapporto con la lettura.
    Da bambina ero una divoratrice di libri. Crescendo fino ad ora vado a periodi… Ma mi sono resa conto che leggo nei periodi positivi.
    Leggere é scoprire mondi, culture, momenti storici, persone esperienze. Leggere è un viaggio meraviglioso tutto personale che arricchisce e dà profondità alle nostre vite!
    Per questo io più che nei gruppi di lettura mi vedo assorta in una lettura che mi permette di staccare da tutto e di immergermi in un’altro pianeta.
    Adoro poi leggere libri per bambini. Ho sempre adorato leggere ai miei figli e penso che mi mancherà molto quando saranno cresciuti. Che bei momenti, che arricchimento per me e per loro, che divertimento!
    Un abbraccio

    1. Carissima Vera, bentrovata!!!! Che bello leggerti!!!! Grazie per aver trovato il tempo di condividere con noi il tuo rapporto con la lettura e con i libri!!!
      Grazie anche per aver introdotto un altro tema che trovo interessante, leggere ad altri, leggere per altri… nello specifico tu leggi per i tuoi figli, che meraviglia!!!
      “Leggere é scoprire mondi, culture, momenti storici, persone esperienze. Leggere è un viaggio meraviglioso tutto personale che arricchisce e dà profondità alle nostre vite!”
      Ti abbraccio!!!!

  10. Bella ‘sta cosa della lettura ….!
    Non so da dove cominciare, per dire che senza lettura io sarei morto !
    Da sempre, sin da quando ero bimbo !!!
    Un risvolto ” psicologico ” … si potrebbe dire .
    Me ne rendo conto !
    Chiedo aiuto all’amico Giorgio e alla sua lucida descrizione per mettere un po’ d’ordine.
    Infatti la lettura viene definita un’attività da svolgere con calma e concentrazione, io direi addiritura ” con devozione ” , per poter raggiungere lo stato di serena concentrazione necessario all’ addentrarsi nelle pagine.
    Ancora oggi per me la lettura è un irrinunciabile ingrediente quotidiano … e non parlo della lettura di una pagina web o di una cronaca pettegola.
    Noto però che i piccoli oggi mostrano uguale approccio verso altre fonti di comunicazione, le quali vengono tutte proposte dall’immancabile schermo casalingo.
    Certamente mi chiedo, vedendo un nipotino rapito dal messaggio televisivo di turno, se sia ormai tramontato il ricorso alla lettura
    oppure se, con il dovuto supporto di un buon insegnamento scolastico, continuerà ad essere valida ed opportuna, magari un po’ più avanti, la pratica dell’entrare in sintonia con un messaggio scritto …. leggendolo.

    1. Ciao GianMaria!!!!! bentrovato!!!Grazie per la condivisione del tuo vissuto e della tuua passione per la lettura…!!!
      Quanto al quesito se la lettura sopravviverà alla tecnologia…ai posteri l’ardua sentenza!!!!!! Notte!!!!

  11. Quando leggo un libro interessante resto stupita per la fantasia dello scrittore, è un’opera d’arte. Il fatto di riuscire a visualizzare quanto scritto libera la fantasia e i pensieri.

    1. Cara Antonella, bentrovata!!! Il libro come opera d’arte, la visualizzazione di quanto letto come possibilità di liberare fantasia e pensieri; wow!!!!
      Niente da aggiungere, solo un grande GRAZIE!!!!!
      Ti abbraccio!! A presto!!

  12. Cara Giovanna, leggere, che bello!
    Il poco tempo libero che ho lo dedico alla lettura, i libri mi affascinano, il fatto di acculturarsi e usare tanti vocaboli nel parlare mi attira molto.
    Mi vengono in mente le parole che scrisse un insegnante di Scienze Umane al Don Bosco di Fermo, se non ricordo male il professore Cesare Cata’, nell’augurio di buone vacanze estive (siamo proprio in tema!!!) ai suoi alunni.
    Queste le sue parole, una parte di uno scritto bellissimo:
    “Cercate di usare tutti i nuovi termini imparati insieme quest’anno: PIÙ COSE POTETE DIRE, PIÙ COSE POTETE PENSARE; E PIÙ COSE POTETE PENSARE, PIÙ SIETE LIBERI.”
    Ah la libertà!!!! La nostra amata libertà.
    Anche alla mia figlia più grande piace molto leggere, mi chiede proprio di prenderle dei libri!
    Gli altri sono più piccoli, ma sicuramente sono attratti dalle favole e dalle loro figure.
    Grazie Giovanna, a presto!

    1. Cara Carmen, bentrovata!!!! Grazie per il tuo contributo che ci racconta del tuo amore per la lettura e anche di quello dei tuoi figli, che meraviglia!
      Rilancio: PIÙ COSE POTETE DIRE, PIÙ COSE POTETE PENSARE; E PIÙ COSE POTETE PENSARE, PIÙ SIETE LIBERI.
      Grazie Carmen!!! Spero di leggerti presto!!!

  13. Ciao giovi! Io non sono mai stata appassionata alla lettura, più che altro per pigrizia però se trovo un libro che mi prende allora non faccio altro che leggere! Forse perché mi piacciono le lingue, spesso preferisco leggere libri più semplici ma in inglese, in modo da conoscere nuovi vocaboli in inglese..

    1. Shantiiiiiiiiii, benvenuta!!!!! Grazie per aver accettato il mio invito a leggere e commentare questo post!!!
      E’ importante e bello per me avere un rimando da una giovane lettrice… Grazieeeee…Dici subito che se trovi un libro che ti prende non fai altro che leggere..Interessante spunto di riflessione per noi adulti, professori, genitori,…, non è che i giovani non leggono perchè non amano leggere ma , forse, non leggono perchè offriamo loro letture che non suscitano il loro interesse…..Wow!
      Introduci anche un altro tema molto interessante quello della lettura dei testi in lingua originale!!! Grazie Shanti per il tuo prezioso contributo. Spero di leggerti ancora!!!! Ti abbracciooooo

  14. Da piccola leggevo molto e in qualunque situazione, ora ho bisogno di silenzio e tranquillità , devo avere la mente libera dai pensieri per poter entrare nella storia e far viaggiare la fantasia, devo lasciarmi trasportare e vivere fino in fondo le emozioni che un buon libro può dare. Leggere riempie l’anima e nutre lo spirito.

    1. Ciao Nicoletta!! Bentrovata!!!! Che bello leggerti ancora!!!!Scrivi: “Leggere riempie l’anima e nutre lo spirito”. Che meravigliosa sensazione quella di sentire il proprio spirito nutrito attraverso certe letture!! Grazie per averlo suggerito!!!! Ti aspetto ancora!!! Un forte abbraccio!!!

  15. Ciao Giovi, direi che leggere è sicuramente istruttivo in tutti i sensi. Sia che leggi un libro di fantasia, sia che leggi storie vere, romanzo anche articoli di buona stampa. A me piace leggere la storia ,mi incuriosiscono fatti storici come ad esempio chi come e perché è stato costruito una costruzione famosa! Perché Leonardo ha vissuto parecchio tempo a Milano! In che modo vivevano a Milano nel 500??! Ma anche i vecchi detti popolari, oppure come era il calendario dei romani? Tante e tante sono le cose che mi appassionano e più ne so e più capisco di non sapere! Mi chiedo spesso perché sono attratto da queste curiosità!!! Ciaoneeeee

    1. Ciao Arnaldo!!! Wow!! Quanti interessi!!! Mi colpisce soprattutto questa frase ” più ne so e più capisco di non sapere!”
      Grazie per i tuoi contributi ricchi di stimoli!!!! Un abbraccio!!!

  16. Ciao. La lettura è il valore del sapere, conoscere, libertà di cultura ed espressione. Apre la mente, fa conoscere altre realtà mondi culture diverse dalla nostra, usi e costumi. Oggi la lettura è lasciata un po’ in disparte; da diversi anni la tecnologia I – pad etc… questi mezzi hanno preso il posto dei libri; benvenga la giovane 13 enne – Giovanna noi a 13 anni eravamo ragazzine- dicevo la giovane 13 enne da 3 anni frequenta il gruppo di lettura presso una libreria, ed è appassionata. Bene, il proliferare di giovani con tale passione che si ritrovano a leggere e socializzano. Mi piace leggere, sia per rilassarmi che per conoscere e per cultura, nn si finisce mai d’imparare. Spazio in diversi tipi di lettura. Storie reali,fantasia, psicologia adulti e bambini, per lavoro, (nn sono psicologa) lo richiedeva la branchia per il lavoro che svolgo; mi è tornata utile durante i 12 anni trascorsi con bambini da 3 anni, ragazzi e adolescenti, con alle spalle genitori e famiglie fragili, o scelte nn idonee di genitori per scuola materna per “ideologia”. Personalmente Walt Disney era il mio preferito, il libro Cuore, Winni l’orso, Haidi, Libri sulla natura di bertha morris Parker; oggi gli autori sono Ammaniti peguy Gervaso Agatha Christie,Vitali,Tamaro, ultimamente Sumaya Abdel titolo (porto il velo adoro i Quenn),Allevi Pirandello D’Avenia prof. e digital love di aiello-dolce-Pilla e letture racconti leggeri. La globalizzazione il mondo digitale e multirazziale; Vespa Fallaci. In periodo particolare la Bibbia. le vite di S. Paolo S.Teresa di Lisieux, e Madre Teresa, testi che pensavo lontani invece… vite attuali in epoca diversa. Mia nipote -giovane 13 enne ama la lettura. Se trovi la “chiave, è bello interagire con i ragazzi attraverso la lettura riportata alla realtà e la drammatizzazione. Oltre la libertà d’espressione, apertura a confronti tra bambini, e anche gli adulti. Italia paese multietnico, è importante la conoscenza delle Lingue inglese francese etc.. x bambini e adulti. In ultimo leggere, imparare ad esprimersi, le parole possono avere diverso significato in un dialogo; leggere insegna a essere chiaro nel dialogare. Per questo sono poco tecnologica, leggo libri sfogliando le pagine, il tablet è nel cassetto… . buona giornata.

  17. Letto da ultimo “Un cappello pieno di ciliege” (che te lo dico a fare, lo sai … O.Fallaci).
    L’aspetto che mi ha colpito: attraverso la ricostruzione della vita dei suoi avi (comparse sconosciute nella commedia/tragedia della STORIA nota) ha ripercorso il fortunoso ed imponderabile (io lo definisco “il miracolo dell’esserci”) intreccio di vite e circostanze che ha condotto alla sua nascita.
    Si, perchè ogni volta che rifletto sul mio “esserci in questo mondo” o “aver goduto delle meraviglie della vita” resto stupefatto dal miracolo dell’esserci, dall’impressionante coincidenza dei “momenti esatti” in cui i cromosomi di persone si sono incrociati, permettendomi di far parte della “storia” di questo mondo. Certo, una comparsa marginale, ma ci sono stato. E mi viene spontaneo ringraziare DIO per la grazia ricevuta (e poco ricambiata).
    Concludo, quindi, sulla lettura: la condivisione con l’Autrice – seppure con radici e ragioni diverse – dello stesso stupore per il medesimo evento.

    1. Carissimo Francesco, benvenuto!!!! Che bello leggerti e averti con noi!!!!
      Grazie per il tuo contributo così denso di suggestioni…”il miracolo dell’esserci”, wow!!!! Quanto poco ci soffermiamo su questo miracolo!!! Grazie per avercelo ricordato e per aver posto l’attenzione su di esso!!! Ti abbraccio e spero di leggerti ancora!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *